mercoledì 8 marzo 2017

SABATO 11 MARZO A NAPOLI LE PROPOSTE PER IL RINASCIMENTO GREEN DEL SUD



SABATO 11 MARZO A NAPOLI
L’ASSEMBLEA NAZIONALE
DEL MOVIMENTO  ECOLOGISTA GREEN ITALIA
OSPITI TRA GLI ALTRI DE MAGISTRIS, CIVATI E EMILIANO
“DA NOI LE PROPOSTE PER IL  RINASCIMENTO GREEN DEL SUD, PROTESTA CIVILE CONTRO SALVINI IN TRASFERTA PER RACCATTARE VOTI XENOFOBI”
APPUNTAMENTO ALLE ORE 10.00 AL MASCHIO ANGIOINO



“L’Assemblea nazionale di Green Italia che si terrà a Napoli sabato 11 marzo dalle ore 10,00, con un programma denso di contenuti e ospiti quali il sindaco De Magistris, il segretario di Possibile Civati e il candidato alla segreteria del Pd Emiliano, sarà il degno contraltare all’operazione di Matteo Salvini, che si presenta a Napoli quel giorno per sciorinare il suo programma xenofobo e sovranista. Ben venga il rifiuto della città di Napoli ad ogni forma di intolleranza e razzismo, noi raduneremo sabato tutti coloro che vogliono un rinascimento’green’ del sud e del Paese”.
Lo dichiara Carmine Maturo, portavoce di Green Italia Campania.
Il movimento politico ecologista  nato tre anni fa procederà nella giornata di sabato, presso l'Antisala dei Baroni al Maschio Angioino, al rinnovo dei propri  organismi dirigenti: i due Co-portavoce, l’Ufficio di presidenza e il Comitato dei 100.
Nel corso della mattina, a partire dalle ore 10.00, si alterneranno una serie di confronti, che prenderanno le mosse dal tema scelto come filo conduttore dell’Assemblea: “Lavoro e rinascimento industriale. Il Green new deal, un progetto politico”.
Interverranno inoltre le presidenti di Wwf e Legambiente, Donatella Bianchi e Rossella Muroni.
“Green Italia – continua Maturo - ambisce ad essere il referente di una proposta politica a trazione ecologista, fortemente connotata da un carattere progressista, europeista, laico, rispondente dunque nei princìpi e nei programmi dei Verdi europei.
Riteniamo che sia possibile costruire un’alternativa credibile alle larghe intese conservatrici che governano l’Italia e gran parte dell’Europa, unica strada per respingere i populismi di ogni genere che mettono a rischio il nostro futuro”.

venerdì 3 febbraio 2017

Sabato 11 marzo a Napoli l’Assemblea annuale di Green Italia a Napoli




A Napoli la IV Assemblea Nazionale del movimento ecologista Green Italia.
“Lavoro e Rinascimento industriale. Green New Deal: un progetto politico”

Appuntamento a partire dalle ore 10.00, presso il Maschio Angioino (Antisala dei Baroni).
Il programma della mattina:

Presiede: Carmine Maturo

Introduce: Monica Frassoni (CoPresidente Verdi Europei)

Si confrontano:
Francesco Ferrante con Michele Emiliano (Presidente Regione Puglia)

Oliviero Alotto con Luana Zanella (Verdi Italiani)

Annalisa Corrado con Luigi De Magistris (Sindaco di Napoli)

Roberto Della Seta con Pippo Civati (segretario di Possibile)

Anna Donati con Donatella Bianchi (Presidente Wwf)
e Rossella Muroni (Presidente Legambiente).

“Siamo decisi – dichiarano i portavoce uscenti Annalisa Corrado e Oliviero Alotto –  a intensificare il nostro impegno di dialogo e di collaborazione, sulla base della nostra ‘agenda’ di priorità, con tutti i soggetti che condividono con noi l’urgenza di riportare l’ecologia nella politica italiana, anche in vista delle elezioni politiche comunque imminenti. Il traguardo è offrire agli italiani l’offerta politica di un ‘polo’ ecologista, progressista, europeista, laico, che si riconosca nei princìpi e nei programmi dei Verdi europei e si proponga come alternativa credibile e rigorosa ai populismi di ogni colore e alle larghe intese conservatrici che governano l’Italia e gran parte dell’Europa”.

giovedì 22 dicembre 2016

Più Turismo e meno Aerei sulla città... un aereoporto un pò più in là

L’aeroporto di Capodichino è all’interno dell’aera urbana di Napoli, a pochi km dal centro cittadino: nelle manovre di atterraggio da ovest gli aerei sorvolano a bassissima quota le residenze della Collina di Capodimonte e la sua Pinacoteca con tutti i suoi preziosi dipinti e il Bosco di Capodimonte, polmone verde della città, mentre nelle fasi di decollo sorvolano il super abitato Centro storico, tutelato dall’UNESCO, sottoponendo tali luoghi ad un continuo fragore assordante non compatibile con un Sito inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità e con le loro caratteristiche artistiche e culturali. Gli aerei, nelle manovre di atterraggio e decollo, sorvolano anche altre popolose aree residenziali della città, tra le quali Bagnoli, Arenella, Vomero, Sanità, San Pietro a Patierno, San Carlo all’Arena oltre al comune di Casoria... continua a leggere nel link della petizione

lunedì 21 novembre 2016

Immigrato in Villa Comunale: mettere a dimora l'albero dedicato all'immigrato ignoto.




Dopo la tragica scoperta del giovane immigrato trovato impiccato in villa comunale a Napoli, infervora la polemica sullo stato della Villa Comunale e, invece riflettere sul fatto che non siamo riusciti ad accogliere un ragazzo di trenta anni, probabilmente in fuga dalla guerra e dalla violenza, si strumentalizza sulla sua morte.
Non sappiamo se ha un nome o un'identità quel giovane immigrato. Sappiamo che era giovane, che ha probabilmente una famiglia nella sua terra e che, come tanti altri, è stato costretto a lasciare per un futuro migliore, ma poi, preso dalla disperazione e dallo sconforto lo abbiamo trovato li, appeso ad un albero, nella giornata dedicata agli alberi (legge 10 del 2013).
L'albero è il simbolo della vita, per questo chiediamo al Comune di Napoli  di mettere a dimora in Villa Comunale, un albero dedicato all'immigrato ignoto, all'accoglienza e alla solidarietà.
Lo dichiarano Francesco Escalona e Carmine Maturo di Green Italia.

Immigrato in Villa Comunale: mettere a dimora l'albero dedicato all'immigrato ignoto.




Dopo la tragica scoperta del giovane immigrato trovato impiccato in villa comunale, infervora la polemica sullo stato della Villa Comunale e, invece riflettere sul fatto che non siamo riusciti ad accogliere un ragazzo di trenta anni, probabilmente in fuga dalla guerra e dalla violenza, si strumentalizza sulla sua morte.
Non sappiamo se ha un nome o un'identità quel giovane immigrato. Sappiamo che era giovane, che ha probabilmente una famiglia nella sua terra e che, come tanti altri, è stato costretto a lasciare per un futuro migliore, ma poi, preso dalla disperazione e dallo sconforto lo abbiamo trovato li, appeso ad un albero, nella giornata dedicata agli alberi (legge 10 del 2013).
L'albero è il simbolo della vita, per questo chiediamo al Comune di Napoli  di mettere a dimora in Villa Comunale, un albero dedicato all'immigrato ignoto, all'accoglienza e alla solidarietà.
Lo dichiarano Francesco Escalona e Carmine Maturo di Green Italia.

mercoledì 19 ottobre 2016

Un "Patto (Green) per Napoli"


“Nel patto per Napoli ci saranno risorse importanti per le periferie, per il trasporto che è la vera sofferenza in città, e anche per un progetto di riqualificazione delle scale di Napoli. Tante volte si è detto che sono state trascurate, ora ci sono i fondi». Il sindaco Luigi de Magistris spiega nella diretta facebook di "Repubblica" condotta da Conchita Sannino come saranno investiti i 308 milioni che il governo ha assegnato alla città.
“Sarà un Patto (Green) per Napoli - hanno commentato Carmine Maturo e Daniela Improta , i due portavoce di Green Italia Campania.
Periferie, Mobilità e Scale di Napoli sono le storiche battaglie di Green Italia e delle Associazioni Ambientaliste napoletane - continuano Maturo e Improta - ma anche parte del nostro contributo di idee al Programma Elettorale di coalizione Dema. Siamo veramente felici di veder annunciare che alcuni dei nostri progetti saranno finalmente finanziati e realizzati, e continuiamo ad offrire la nostra disponibilità a collaborare. Ora aspettiamo di conoscere i dettagli degli interventi, quali saranno le prime scale ad aprire vie nuove di bellezza, pedonalità e turismo sostenibile.
Napoli può diventare davvero la capitale europea per le pratiche di gestione amministrativa improntate alla sostenibilità, e le scale di Napoli il simbolo di questa nuova città che amiamo” - hanno concluso i portavoce ambientalisti.

giovedì 6 ottobre 2016

Idee e proposte Green per la Collina di Capodimonte, i due antichi borghi, il suo territorio.



giovedì 13 ottobre ore 15,30
Auditorium Museo di Capodimonte 

Intervengono:

Fara Caso
Storica dell'Arte
Enzo Russo
Architetto Presidente Consulta Mobilità ciclabile Comune di Napoli
Aurora de Magistris
presidente del Salotto Giglio
Pasquale del Gaudio
Dirigente del Servizio Servizi di Trasporto Pubblico
Anna Savarese
Vice Presidente Legambiente Campania
Ornella Capezzuto
WWF Napoli
Sylvain Bellenger
direttore del Museo e Bosco di Capodimonte
Ivo Poggiani
Presidente Municipalità 3
Raffaele del Giudice
Assessore all'Ambiente e Vicesindaco del Comune di Napoli


Introduce e coordina

Carmine Maturo
portavoce Green Italia Campania