domenica 4 maggio 2014

L'Europa vicina o lontana? #iovotogreen

Ovvero perchè dovremmo andare a votare per un'istituzione così lontana per noi cittadini? Ecco, questa domanda sorge spontanea a tutti noi, ma allo stesso tempo noi gentegreen abbiamo l'ambizione di dare una risposta a questo dubbio. Innanzitutto l'Unione Europea ( e quindi il suo Parlamento composto da tutti gli eletti in ogni singolo stato aderente) è un'istituzione che ci apre le porte alla modernità e al futuro. E' ancora in costruzione il nostro modello di società continentale e come tutte le cose in divenire hanno bisogno di essere aggiustate e collaudate meglio.
Un mercato unico europeo ha permesso pace e prosperità fino ad ora, fino all'inizio di questa ultima crisi economica che è legata anche ad una crisi di visione e costruzione politica nei vari paesi dell'Unione. Non solo: l'Europa è stata anche un laboratorio di leggi innovative, soprattutto nel campo ambientale e culturale. Basti pensare che molti temi toccati nell'ultimo ventennio in Italia dalle leggi nazionali sono unicamente recepimenti di ottime leggi Europee, e soprattutto che la grandissima parte dei soldi Pubblici a disposizione nell'Italia Meridionale per infrastrutture e per investimenti sono redistribuiti proprio dall'Europa.
Ma allora l'Europa è molto più vicina di quello che pensiamo? Si direbbe di si, ma proprio ora però siamo ad un punto in cui l'Europa deve saper costruire una nuova fase.
Non è Euro sì, Euro no, la discussione che bisogna affrontare e le scelte da fare. Dobbiamo invece costruire un'Europa fatta di persone e territori che in varia natura contribuiscano ad una nuova visione del futuro: un futuro possibile, moderno e all'avanguardia, che abbia il superamento delle vecchie contrapposizioni che ci hanno portato all'attuale crisi. Vogliamo costruire una visione in cui l'ambiente, il corretto rapporto tra uomo e natura sia alla base delle azioni da intraprendere, in cui le nuove tecnologie siano utilizzate per dare risposte ai bisogni di una moderna società, in cui il sapere condiviso ridiventi il motore di sviluppo e progresso, in cui siano tutelati i diritti dei cittadini, in cui la salute dell'Uomo non sia barattata con il lavoro, con 'a fatica, in cui l'Europa ritorni ad essere da esempio per l'umanità: tutto ciò potrà avvenire attraverso un nuovo cammino che vogliamo tracciare, un cammino che noi e voi gentegreen chiamiamo GREEN ITALIA #iovotogreen 

Nessun commento:

Posta un commento