giovedì 22 dicembre 2016

Più Turismo e meno Aerei sulla città... un aereoporto un pò più in là

L’aeroporto di Capodichino è all’interno dell’aera urbana di Napoli, a pochi km dal centro cittadino: nelle manovre di atterraggio da ovest gli aerei sorvolano a bassissima quota le residenze della Collina di Capodimonte e la sua Pinacoteca con tutti i suoi preziosi dipinti e il Bosco di Capodimonte, polmone verde della città, mentre nelle fasi di decollo sorvolano il super abitato Centro storico, tutelato dall’UNESCO, sottoponendo tali luoghi ad un continuo fragore assordante non compatibile con un Sito inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità e con le loro caratteristiche artistiche e culturali. Gli aerei, nelle manovre di atterraggio e decollo, sorvolano anche altre popolose aree residenziali della città, tra le quali Bagnoli, Arenella, Vomero, Sanità, San Pietro a Patierno, San Carlo all’Arena oltre al comune di Casoria... continua a leggere nel link della petizione

lunedì 21 novembre 2016

Immigrato in Villa Comunale: mettere a dimora l'albero dedicato all'immigrato ignoto.




Dopo la tragica scoperta del giovane immigrato trovato impiccato in villa comunale a Napoli, infervora la polemica sullo stato della Villa Comunale e, invece riflettere sul fatto che non siamo riusciti ad accogliere un ragazzo di trenta anni, probabilmente in fuga dalla guerra e dalla violenza, si strumentalizza sulla sua morte.
Non sappiamo se ha un nome o un'identità quel giovane immigrato. Sappiamo che era giovane, che ha probabilmente una famiglia nella sua terra e che, come tanti altri, è stato costretto a lasciare per un futuro migliore, ma poi, preso dalla disperazione e dallo sconforto lo abbiamo trovato li, appeso ad un albero, nella giornata dedicata agli alberi (legge 10 del 2013).
L'albero è il simbolo della vita, per questo chiediamo al Comune di Napoli  di mettere a dimora in Villa Comunale, un albero dedicato all'immigrato ignoto, all'accoglienza e alla solidarietà.
Lo dichiarano Francesco Escalona e Carmine Maturo di Green Italia.

Immigrato in Villa Comunale: mettere a dimora l'albero dedicato all'immigrato ignoto.




Dopo la tragica scoperta del giovane immigrato trovato impiccato in villa comunale, infervora la polemica sullo stato della Villa Comunale e, invece riflettere sul fatto che non siamo riusciti ad accogliere un ragazzo di trenta anni, probabilmente in fuga dalla guerra e dalla violenza, si strumentalizza sulla sua morte.
Non sappiamo se ha un nome o un'identità quel giovane immigrato. Sappiamo che era giovane, che ha probabilmente una famiglia nella sua terra e che, come tanti altri, è stato costretto a lasciare per un futuro migliore, ma poi, preso dalla disperazione e dallo sconforto lo abbiamo trovato li, appeso ad un albero, nella giornata dedicata agli alberi (legge 10 del 2013).
L'albero è il simbolo della vita, per questo chiediamo al Comune di Napoli  di mettere a dimora in Villa Comunale, un albero dedicato all'immigrato ignoto, all'accoglienza e alla solidarietà.
Lo dichiarano Francesco Escalona e Carmine Maturo di Green Italia.

mercoledì 19 ottobre 2016

Un "Patto (Green) per Napoli"


“Nel patto per Napoli ci saranno risorse importanti per le periferie, per il trasporto che è la vera sofferenza in città, e anche per un progetto di riqualificazione delle scale di Napoli. Tante volte si è detto che sono state trascurate, ora ci sono i fondi». Il sindaco Luigi de Magistris spiega nella diretta facebook di "Repubblica" condotta da Conchita Sannino come saranno investiti i 308 milioni che il governo ha assegnato alla città.
“Sarà un Patto (Green) per Napoli - hanno commentato Carmine Maturo e Daniela Improta , i due portavoce di Green Italia Campania.
Periferie, Mobilità e Scale di Napoli sono le storiche battaglie di Green Italia e delle Associazioni Ambientaliste napoletane - continuano Maturo e Improta - ma anche parte del nostro contributo di idee al Programma Elettorale di coalizione Dema. Siamo veramente felici di veder annunciare che alcuni dei nostri progetti saranno finalmente finanziati e realizzati, e continuiamo ad offrire la nostra disponibilità a collaborare. Ora aspettiamo di conoscere i dettagli degli interventi, quali saranno le prime scale ad aprire vie nuove di bellezza, pedonalità e turismo sostenibile.
Napoli può diventare davvero la capitale europea per le pratiche di gestione amministrativa improntate alla sostenibilità, e le scale di Napoli il simbolo di questa nuova città che amiamo” - hanno concluso i portavoce ambientalisti.

giovedì 6 ottobre 2016

Idee e proposte Green per la Collina di Capodimonte, i due antichi borghi, il suo territorio.



giovedì 13 ottobre ore 15,30
Auditorium Museo di Capodimonte 

Intervengono:

Fara Caso
Storica dell'Arte
Enzo Russo
Architetto Presidente Consulta Mobilità ciclabile Comune di Napoli
Aurora de Magistris
presidente del Salotto Giglio
Pasquale del Gaudio
Dirigente del Servizio Servizi di Trasporto Pubblico
Anna Savarese
Vice Presidente Legambiente Campania
Ornella Capezzuto
WWF Napoli
Sylvain Bellenger
direttore del Museo e Bosco di Capodimonte
Ivo Poggiani
Presidente Municipalità 3
Raffaele del Giudice
Assessore all'Ambiente e Vicesindaco del Comune di Napoli


Introduce e coordina

Carmine Maturo
portavoce Green Italia Campania

Idee e proposte Green per la Collina di Capodimonte, i due antichi borghi, il suo territorio.







giovedì 13 ottobre ore 15,30

Auditorium Museo di Capodimonte 


Intervengono:
Fara Caso
Storica dell'Arte


Enzo Russo
Architetto Presidente Consulta Mobilità ciclabile Comune di Napoli

Aurora de Magistris
presidente del Salotto Giglio

Pasquale del Gaudio
Dirigente del Servizio Servizi di Trasporto Pubblico

Anna Savarese
Vice Presidente Legambiente Campania

Ornella Capezzuto
WWF Napoli

Sylvain Bellenger
direttore del Museo e Bosco di Capodimonte

Ivo Poggiani
Presidente Municipalità 3


Raffaele del Giudice
Assessore all'Ambiente e Vicesindaco del Comune di Napoli


Introduce e coordina

Carmine Maturo
portavoce Green Italia Campania

Idee e proposte Green per la Collina di Capodimonte, i due antichi borghi, il suo territorio.







giovedì 13 ottobre ore 15,30

Auditorium Museo di Capodimonte 



Intervengono:

Fara Caso


Storica dell'Arte


Enzo Russo


Architetto Presidente Consulta Mobilità ciclabile Comune di Napoli


Aurora de Magistris


presidente del Salotto Giglio


Pasquale del Gaudio


Dirigente del Servizio Servizi di Trasporto Pubblico


Anna Savarese


Vice Presidente Legambiente Campania


Ornella Capezzuto


WWF Napoli


Sylvain Bellenger


direttore del Museo e Bosco di Capodimonte


Ivo Poggiani


Presidente Municipalità 3


Raffaele del Giudice


Assessore all'Ambiente e Vicesindaco del Comune di Napoli


Introduce e coordina

Carmine Maturo
portavoce Green Italia Campania

giovedì 22 settembre 2016

Al Real Bosco di Capodimonte una tappa di Puliamo il Mondo

Legambiente: Quest'iniziativa vuole essere una testimonianza del positivo cambiamento che sta avvenendo nel Real Bosco Capodimonte sia nella gestione che nella fruizione.

Puliamo il Mondo, l’edizione italiana di “Clean up the World”, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo, domenica 25 settembre fa tappa Napoli anche a Capodimonte per rinsaldare con un gesto semplice il rapporto fra l’ambiente e i cittadini, tra le comunità e gli enti, tra le scuole e le famiglie.
Legambiente Parco Letterario Vesuvio ONLUS e il Museo e il Real Bosco di Capodimonte, con la collaborazione dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Napoli e la Municipalità 3 – Stella San Carlo, organizza una tappa di Puliamo il Mondo nel Real Bosco di Capodimonte, una giornata di iniziative e attività per la sensibilizzazione dei cittadini alla cura e al rispetto del bosco e degli spazi verdi presenti nello storico parco.
Il Bosco diventa per la città modello di accoglienza, partecipazione e integrazione. Sarà una giornata che coinvolgerà studenti, turisti, cittadini e frequentatori del parco, italiani e stranieri, in azioni di volontariato e cittadinanza attiva che li renderanno protagonisti di piccoli, grandi gesti di cura e attenzione per quello che rappresenta il più importante “polmone verde della città”, un luogo di forte identità per i napoletani e non solo.
Museo e Bosco aprono le porte alla città e diventano città per una giornata di impegno civico ma anche di scoperta e conoscenza del luogo, dove la cultura, la bellezza si fondono e si offrono alla libera fruizione nel segno della partecipazione e integrazione.
L’iniziativa si inserisce, inoltre, nelle giornate europee del patrimonio nel comune obiettivo di valorizzare i luoghi che rappresentano da sempre un’eredità culturale per le comunità che li abitano.
Si vuole promuovere la consapevolezza che anche il verde, il verde storico, il patrimonio naturalistico e ambientale di una città sono beni culturali da amare, rispettare e valorizzare perché costituiscono un’eredità culturale per tutti.
Puliamo il mondo: un'azione concreta ma anche di stimolo e di esempio per la riappropriazione e la cura di spazi pubblici come il Bosco di Capodimonte.
Mai come in questo momento cittadini associazioni e istituzioni collaborano per riflettere e migliorare sempre di più la fruizione di uno dei parchi più belli d'Italia e il territorio circostante ormai denominato da tutti “Collina Gentile” Hanno dichiarato Paola Silvi e Carmine Maturo del Circolo Parco Letterario Vesuvio di Legambiente.
Programma della giornata
Ore 10:30 Accoglienza al banchetto di Legambiente (Ingresso Porta Piccola, altezza scuderie):
  1. distribuzione KIT ” Puliamo il Mondo” ai volontari per la pulizia che si svolgerà nei pressi degli ingressi “Porta grande” e” Porta piccola” e negli spazi antistanti il Museo;
  2. distribuzione della piantina del Parco con Vademecum “per promuovere il rispetto del bosco e del parco”
Ore 11: 00 Visita guidata al verde storico e ad alcuni alberi monumentali del Parco a cura di giovani volontari esperti botanici
Ore 12:00 Incursione musicale della “Scalzabanda” e a seguire
Flash mob: “Abbracciamoci e Abbracciamo gli alberi” , tutti i volontari e i cittadini presenti si abbracceranno e saranno invitati ad abbracciare alcuni alberi in segno di amicizia e vero affetto per la natura e per il bosco.
Ore 13:30 Arrivederci a un nuovo appuntamento per il Bosco: Festa dell’Albero 2016!

La Manifestazione ha il Patrocinio del Comune di Napoli e della III Municipalità.
Aderiscono: L’Istituto Superiore Don Lorenzo Milani di Napoli, “La Scalzabanda,” “Insegnanti Senza Frontiere”, il Comitato Insieme per i Ponti Rossi, ANAPANA OEPA di Napoli, Fiab-Cicloverdi


Info: 3388408138 - 3494597997

giovedì 18 agosto 2016

Turismo Sostenibile, Lettera aperta al Sindaco de Magistris

Gentile Sindaco,
ti scriviamo all'indomani delle elezioni che ti hanno portato alla conferma del tuo secondo mandato di Sindaco; un risultato che ha scombussolato non poco la politica sia nazionale che locale.
E' questa un occasione per riflettere sulle sfide ambientali che riguardano la nostra città e che devono essere un'alternativa alla vecchia concezione di sviluppo e tenere conto del benessere delle persone e del rispetto dell'ambiente.
Per vincere sempre di più, dobbiamo rendere la nostra città più resiliente e più sicura, cogliendo l'opportunità di farla diventare anche più bella e vivibile.
Bisogna prendere coscienza dei limiti che l'ambiente ci impone e trovare in questi la chiave di volta per un nuovo modello di sviluppo, insomma dare gambe e concretezza a questo percorso.
Sono tante le questioni che riguardano la nostra città, così come il resto dell'area metropolitana che dovrai amministrare.
Green Italia ha contribuito con tante idee a costruire il documento elettorale di coalizione, idee che sono state accolte con entusiasmo:
Rete ecologica, partecipazione, area metropolitana, welfare, macchina comunale, mobilità sostenibile, energie pulite e turismo sostenibile.
Rispetto al turismo sostenibile, che non è un target, ma solo una modalità che usa il turismo per migliorare la qualità della vita dei residenti e coinvolge tutti cittadini e associazioni nella pianificazione turistica della città, ci piacerebbe vederti alla guida di una coalizione di territori nazionali ed europei che punta ad un nuovo modello di turismo: sostenibile, responsabile e durevole.
Attualmente le politiche del turismo sono prioritariamente se non esclusivamente discusse fra gli enti pubblici e le maggiori organizzazioni di categoria (lobby economiche, spesso non del territorio) ma tanti altri soggetti associativi operano direttamente o indirettamente nel turismo, incidono sull'offerta turistica della città e hanno dato un forte e generoso contributo alla sua qualificazione, operano con grande impegno ed entusiasmo, ed è pertanto giusto ed opportuno che trovino una sede appropriata ove rappresentare il loro punto di vista, le idee, le proposte, le critiche, come ulteriore apporto alla definizione della politica turistica cittadina, che oggi punta soprattutto sugli eventi o microeventi.

Si tratta di associazioni ambientaliste, culturali, dei consumatori e degli utenti e di spontanea aggregazione, del volontariato sociale e culturale parti importanti della società civile.
Insomma crediamo sia giunto il momento di dare dignità e forza a tutte quelle associazioni che da anni operano per lo sviluppo turistico della città e spesso, come ricompensa, vengono accusati di essere "abusivi".

Il 2017 sarà l'anno internazionale del Turismo sostenibile indetto dall'ONU, anche come strumento per il rafforzamento della pace nel mondo".

Pensiamo che il 2017 debba essere per la città un anno in cui il “turismo sostenibile” sia veramente un'occasione per creare ricchezza e qualità della vita per i residenti e per arrivare a questo obiettivo, siamo convinti che bisogna attivare tutte quelle pratiche per creare un'osmosi tra il movimento turistico e l'economia del territorio in particolare crediamo sia necessario:
  • Rafforzare, creare e valorizzare percorsi pedonali e mobilità sostenibile cittadina per la visita in città, dando priorotà ai percorsi delle scale;
  • Tutelare i residenti e le attività artigianali nel centro storico dalle attività turistiche che contribuiranno ad aumentare fitti di locazione con la conseguente fuoriuscita dal centro storico di intere famiglie e piccole botteghe;
  • lavorare su un nuovo piano del commercio almeno all'interno del sito Unesco;
  • vedere o rivedere le occupazioni di suolo pubblico di bar e paninoteche rendendo visibile a tutti con un piccolo arredo urbano l'area di concessione;
  • Destagionalizzare e “spalmare” il turismo su tutto il territorio cittadino, per creare ricchezza turistica su aree sempre più vaste e, contemporaneamente alleggerire il carico antropico nel centro antico;
  • Attivare sondaggi fra cittadini e turisti per conoscere il loro punto di vista;
  • mettere in rete tutte le possibilità di accoglienza turistica;
  • Valorizzare il paesaggio;
  • decentrare alcune attività turistiche alle Municipalità interessate.
    E soprattutto controllare l'inquinamento e la pressione antropica derivante dal turismo.
E' speranza, ed intendimento, di Green Italia Campania che le nostre energie possano comunemente muoversi nella prospettiva di riuscire a tener conto e a far cooperare insieme i tempi istituzionali, i tempi della partecipazione e i tempi dello sviluppo sostenibile in città.

lunedì 1 agosto 2016

Green Italia: il Piano strategico di Franceschini dimentica che per attivare un “turismo autenticamente sostenibile” al centro del processo è necessario che ci sia la Comunità Locale


L'Italia e gli italiani hanno bisogno di un “turismo autenticamente sostenibile” ha detto Carmine Maturo membro dell'Ufficio di presidenza di Green Italia ed esperto di turismo sostenibile.”
Nel piano strategico annunciato da Franceschini in un Comunicato Stampa del MiBACT – continua Maturo - non compare una sola volta la parola “Comunità Locale” oppure cittadini residenti.
Addirittura nel Comunicato Stampa si legge “Tutte le azioni previste dal Piano mirano a mettere al centro del processo il turista e i suoi fabbisogni e si ispirano a tre principi trasversali, sui quali fondare strategie e investimenti”
Un vero turismo “Autenticamente sostenibile” sottolinea Maturo - mette al centro tutti gli attori del turismo: “Comunità Locale, Operatori e Turisti” e non solo i turisti e i suoi bisogni che spesso possono essere non sostenibili.”
Un buon turismo sostenibile non deve favorire solo l'incontro con il patrimonio del nostro Paese, come scritto nel comunicato del MiBACT, deve invece incentivare residenti e visitanti a condividere gli aspetti più caratteristici del nostro territorio nel rispetto del diritto delle comunità locali di decidere su vantaggi e svantaggi derivanti dalla pressione antropica dell’offerta turistica del loro territorio.
Insomma – conclude Maturo - anche se condividiamo i tre obiettivi del piano strategico su sostenibilità, innovazione e accessibilità, crediamo che non ci sia sostenibilità senza la partecipazione attiva e il protagonismo delle Comunità locali e quindi la parola sostenibilità diventa solo un vezzo.”



giovedì 16 giugno 2016

Appello di Green Italia Campania per il voto a Luigi de Magistris

GREEN ITALIA CAMPANIA invita tutti i napoletani a votare De Magistris domenica prossima. Abbiamo già visto cosa è stato in grado di fare questo Sindaco, tra tante difficoltà, e con caparbietà, per dare un futuro sostenibile a Napoli. I nostri temi ambientalisti sono dentro il suo programma, e nessun altro a Napoli li rappresenta. Non ci piacciono quelli che fanno finta di essere ambientalisti: appoggiamo De Magistris perché ha scelto anche di andare contro corrente pur di affermare la bellezza di Napoli dal punto di vista dell’andare a piedi, in bici, in metro; pur di ridurre il consumo energetico degli edifici pubblici; perché non ha accettato la via degli inceneritori, ma ci ha liberati dall’emergenza rifiuti; perché ha puntato sulla bellezza della città per far tornare i turisti nella città, e ha creduto sulla partecipazione e sulla democrazia. I GREEN hanno sostenuto De Magistris durante la campagna elettorale con convinzione, a maggior ragione lo facciamo ora, in un ballottaggio tra il vecchio modo di fare politica e il nuovo . Noi scegliamo la nuova politica, sostenibile, amica della città e del pianeta, noi GREEN scegliamo De Magistris.

martedì 10 maggio 2016

Un video per conoscere le proposte e i candidati Green nella lista demA



I candidati Green al Comune di Napoli e alle Municipalità nella lista demA che sostiene il Sindaco de Magistris, presso Palazzo Venezia via Benedetto Croce n°19 Napoli, hanno presentato, attraverso un breve video, il programma di #gentegreen per Napoli alle prossime Elezioni Amministrative.
       Il video si apre con le parole del portavoce di Green Italia Campania, Carmine Maturo: “amore e passione per la nostra terra”, queste le parole chiave che costituiranno i cardini intorno ai quali ruoteranno tutti i punti del programma; mettere al centro delle proprie politiche l’ambiente e l’ecologia considerandoli elementi prioritari, e di conseguenza la vivibilità e una più elevata qualità della vita, significa nutrire amore per la propria terra. “Voler bene” alla terra in cui si vive continua Maturo significa riappropriarsi del proprio territorio, curandolo e valorizzandolo, comunicando il piacere e la voglia di viverci, il che equivale anche a promuoverlo evidenziando le caratteristiche di autenticità e bellezza.”
      Di seguito, attraverso una rapida carrellata di tutti i candidati alle Municipalità e del candidato al Consiglio Comunale Francesco Escalona, si ripercorrono, disvelandoli, i punti salienti del programma: si va dalla necessità che Napoli sia una città per tutti e a misura di tutti, alla constatazione che il suo futuro è “metropolitano”, Napoli, dunque, come un pezzo centrale di un ragionamento molto più ampio; si insiste sul concetto di mobilità sostenibile e interconnessa che sia capace di far rivivere la sua “città metropolitana” attraverso un’ampia rete di comunicazioni; in un’ottica squisitamente green, la volontà di aree verdi urbane e che cingano la città affinché il verde sia diffuso, fruibile e curato; e ancora, la necessità di un impegno per fermare i cambiamenti climatici, mitigare gli effetti dell’inquinamento; tutelare Napoli è tutelare il suo immenso patrimonio artistico già patrimonio UNESCO nel centro storico; e infine, in una suggestiva visione, la Baia, la Baia di Napoli che assurge ad esempio di come bellezza e qualità della vita possano assieme costituire una speranza per il futuro.
Questo un accenno del programma #gentegreen nel video. Il candidato al Consiglio Comunale, Francesco Escalona, e i candidati alle Municipalità, Alexandra Ilaria Abbate (1 Municipalità), Daniela Improta (2 Municipalità), Aurora de Magistris (3 Municipalità), Cristiana Liguori (4 Municipalità), Donatella Bozza e Guido Liotti (5 Municipalità), invitano a sostenere il loro impegno politico anche con proposte e riflessioni. Saranno lieti di accogliervi e confrontarsi. “Gente Green, professionisti e cittadini attivi, amanti della nostra terra che oltre la faccia ci mettono il cuore” ha concluso Francesco Escalona

lunedì 2 maggio 2016

I tre giorni di Green Italia


Tre giorni di intenso lavoro fatto di iniziative, discussioni, sopralluoghi e incontri quello di Green Italia Campania che ha ospitato una riunione dell'Ufficio di Presidenza Nazionale (presenti, fra gli altri, i due portavoci Oliviero Alotto e Annalisa Corrado, assieme a Francesco Ferrante e Carmine Maturo) e il co-Presidente dell' European Green Party Monica Frassoni.



Iniziative tendenti a contribuire a migliorare la qualità della vita a Napoli e a sostenere per le prossime Amministrative il Sindaco De Magistris e i candidati di Green Italia presenti nella lista demA al Comune e alle Municipalità.
“Sono convinta – ha detto Monica Frassoni nel corso della sua visita a Napoli - che sia necessario che il sindaco prosegua l'opera di riscatto e valorizzazione di questa magnifica città, che occupa un posto molto speciale per me e per mio impegno di ecologista, convinta come sono che un approfondimento delle politiche urbane, di mobilità ed accoglienza basate su sostenibilità e apertura possano costituire una risposta al degrado e alla violenza cui ancora assistiamo.”

Dopo la riunione dell'Ufficio di presidenza tenutasi la mattina del 28, i dirigenti nazionali, regionali e le candidate e candidati di Green Italia presenti nella lista demA hanno partecipato all'interessante e partecipato forum: ‘Come è bella la città, ambiente future e innovazione’ al quale sono intervenuti tanti rappresentanti del mondo ambientalista e sociale della città (Franco Arminio - Paesologo,Francesco Apperti - Speranza per Caserta, Beatrice Brignone - Deputata di Possibile, Ornella Capezzuto- WWF Napoli,Antonio Daniele - Fiab Cicloverdi, Francesco Escalona- Architetto Green Italia, Luigi Felaco- Rigenerazione, Associazione Dema, Ermete Ferraro - Rete Campana per la civiltà del sole e della biodiversità, Guido Liotti- Lo sguardo che trasforma, Giuseppe Fei - Possibile Napoli, Enzo Russo- Presidente consulta mobilità ciclabile Pio Russo Krauss - Associazione Marco Mascagna, Anna Savarese - Legambiente Campania, Luca Simeone - Napoli Pedala – FCI, Domenico Di Paola - Possibile Napoli , il candidato a Sindaco di Caserta Francesco Apperti) con le conclusioni di Luigi de Magistris Sindaco di Napoli. Un impegno nel corso del forum: autoconvocarsi periodicamente e creare una rete delle forze ambientaliste napoletane.
Le melodie napoletane del concerto “La posteggia: orgoglio e identità” di Aurora Giglio (candidata per Green Italia nella lista demA alla Municipalità 3 Stella San Carlo all'Arena): l'orgoglio di essere napoletani e la forte identità che fa sviluppare in noi napoletani l'amore per la nostra città.

Arte, natura, cultura e gastronomia è l'intreccio indissolubile della bellezza di Napoli per questo Monica Frassoni, Carmine Maturo e Oliviero Aliotto ed Eliana Capretti la mattina del 29 hanno incontrato il neo direttore del Museo e Real BoscoMuseo nazionale di Capodimonte Sylvain Bellenger. Nel corso dell'incontro e della visita al Museo e al Parco si è parlato di promozione del Museo e del parco e di strategie per il coinvolgimento dei cittadini residenti.

Subito dopo la delegazione si è spostata a Palazzo San Giacomo, dove è stata ricevuta dal Vicesindaco e Assessore all'Ambiente Raffaele del Giudice.
Con il Vicesindaco si è fatto il punto su rifiuti, verde urbano, periferie e rigenerazione urbana.

Green Italia Campania, inoltre ha inteso sostenere il giovane Candidato Sindaco di Caserta Francesco Apperti. Ha poi invitato Monica Frassoni a partecipare a Caserta all'incontro organizzato da Speranza per Caserta sul tema: “La scommessa dei rifiuti da problema a risorsa”

Non sono mancati i tour fra le bellezze della città e quelli gastronomici come le soste nelle trattorie tipiche e la pizzeria Sorbillo in via tribunali, dove si sono alternati momenti di relax e discussione sulle questioni che Green Italia con i suoi candidati intende affrontare.
Argomenti come la raccolta differenziata dei rifiuti, il completamento della rete metropolitana, il risanamento e il rilancio di aree dismesse come Bagnoli, il verde urbano, la sicurezza, la pista ciclabile metropolitana, l'avvio di strategie per un turismo sostenibile assolutamente prioritari per una città con un turismo in crescita. La Green Economy che possa fornire nuovi sbocchi occupazionali e promuovere Napoli come città smart e vivibile contemporaneamente con gli investimenti nella cultura.

Ancora: sopralluoghi nelle stazioni dell'arte e riflessioni con il Candidato Green Italia nella lista demA al Comune Francesco Escalona e il mobility manager Enzo Russo su le isole pedonali, la mobilità sostenibile, le piste ciclabili e l'area metropolitana.
La tre giorni di Green Italia è terminata con l'elaborazione del programma delle prossime iniziative a partire dalle passeggiate del cambiamento fino al Salotto Green del Venerdì maggio presso il Salotto Giglio sul tema dei quattro elementi accompagnati da melodie classiche napoletane.

lunedì 18 aprile 2016

Il Referendum non raggiunge il quorum ma il futuro non potrà essere fossile

Come Green Italia, dopo i risultati di questo Referendum, siamo sempre più convinti che nessuno dei partiti oggi in campo, nessuna delle culture politiche tradizionali, vede la crisi ambientale come problema prioritario e l’ecologia, la sostenibilità ambientale e sociale come occasioni decisive per cambiare in meglio la vita degli individui e delle comunità.
E ancora più convinti che in Italia c'è bisogno di una presenza ambientalista organizzata, noi siamo nati per questo e andremo avanti su questo obiettivo con determinazione.
Anche se non si è raggiunto il quorum siamo convinti che stiamo dalla parte del giusto, la storia ci darà ragione, il futuro non potrà essere fossile"
Carmine Maturo
Portavoce Green Italia Campania

martedì 29 marzo 2016

GIALLO TUFO

presentazione del libro di Francesco Escalona

8 APRILE ORE 17,30 -Agorà Spazio Dema-  Via Santa Brigida


È un "giallo territoriale" legato al patrimonio storico, artistico, paesaggistico, culturale, archeologico dell'Area Metropolitana di Napoli dei Campi Flegrei. Questa storia, questo viaggio nello spazio e nel tempo farà penetrare nelle viscere più profonde della terra per svelare il più grande mistero dei Campi Flegrei: Dicearchia, fondata da una grande utopia e farà scoprire che in passato un gruppo di persone ha perseguito un sogno di giustizia e libertà e che i flegrei discendono da quella scelta; che il ricordo di quel nobile tentativo è arrivato fino a noi e che qui risiede, per alimentare le speranze di un futuro diverso, migliore che squarci per sempre il velo della "damnatio memoriae" e la concretezza amara del "Fare calce", della propria memoria. Un viaggiatore contemporaneo che voglia "vivere" i Campi Flegrei dovrà preparare questo viaggio con la dovuta cura sacrale per ritrovare un luogo "sacro" che parla del passato, delle radici da cui tutto è nato, della memoria di tutti: Cuma. Dopo il responso, partire per raggiungere la dimora del Genius Loci: il promontorio del Rione Terra. Dovrà rileggere degli Eubei e della Magna Grecia. Rivedere l'Odissea e riscoprire il VI libro dell'Eneide.
intervengono tra gli altri:

Francesco Escalona - Autore

Natascia Festa – Giornalista

Cinzia Dal Maso. Archeoblogger -.Giornalista

Carmine Maturo – Portavoce Green Italia Campania

lunedì 7 marzo 2016

13 marzo passeggiata gratuita “Ritorno al Futuro” La mobilità sostenibile a Napoli

Secondo appuntamento gratuito de Le Passeggiate del Cambiamento organizzata dal GRuppo Ecologista Europa Napoli di Green Italia Campania.
13 marzo Passeggiata dalla Stazione di Toledo al lungomare liberato

“Ritorno al Futuro” La mobilità sostenibile a Napoli

Dopo la passeggiata del 6 marzo a San Martino e la Pedamentina, la passeggiata del 13 marzo toccherà alcuni luoghi particolarmente rilevanti per la realizzazione di una città nella quale  un nuovo modello di mobilità  urbana possa rappresentare la base per il miglioramento dei livelli di vivibilità e di qualità urbana.
Sarà l'Architetto Enzo Russo – Mobility manager ad accompagnare i partecipanti lungo il percorso e ad illustrare  i notevoli investimenti economici  per la realizzazione della rete su ferro a Napoli, in particolare la linea 1 e la linea 6, l’incentivazione della mobilità ciclistica e del bike-sharing, la riorganizzazione della circolazione possono consentire di continuare nel percorso avviato di recuperare spazio pubblico per un uso pedonale.
In linea con questi indirizzi la passeggiata sarà utile per evidenziare il ruolo strategico delle stazioni di Toledo e di Municipio e di verificare la possibilità di attivare un nuovo affascinante tratto pedonale di congiunzione tra Piazza Plebiscito e via Partenope, attraverso via Cesario Console e via Nazario Sauro, con l’obiettivo strategico di avere un percorso pedonale unico al mondo che dal Museo e dalla città greco-romana, giunga sino a Mergellina.
Con “Ritorno al Futuro” si vuole evidenziare che ciò è possibile, e, del resto era già stato avviato da questa Amministrazione con il progetto “Lungomare liberato” sospeso a causa del crollo dell’edificio alla Riviera di Chiaia.

Partecipazione gratuita. Punto di partenza ore 11 Stazione metro di Toledo info greenitalia.campania@gmail.com


Possimo appuntamento 19 marzo ore 10,30
Il Verde Urbano Da Piazza Vanvitelli a Piazza Medaglie d'Oro
Conduce Rocco Lafratta - Geologo Ambientale appuntamento Piazza Vanvitelli nei pressi del Chioschetto 

lunedì 29 febbraio 2016

Le passeggiate del Cambiamento dal 6 marzo al 17 aprile




Al Via “Le Passeggiate del Cambiamento – la visione Green della città” organizzate dal GRuppo Ecologista Europa Napoli (Green Italia Campania).
A partre da Domenica 6 marzo, 6 appuntamenti gratuiti lungo 6 itinerari della Città con 6 esperti di ecosostenibilità che tratteranno 6 temi.
Un calendario ricco di Ambiente e Green Economy, Qualità della Vita e Paesaggio, Beni Culturali e Beni Ambientali ma anche Turismo Sostenibile, Storia, Cultura e Bellezza e della Città.

Programma:

6 marzo ore 11,00
La partecipazione e la Città Metropolitana
Il Sistema della Collina di San Martino con lo sguardo sulla Baia della Metropoli
Conduce Guido Liotti – Esperto Pianificazione partecipata
appuntamento Piazzale San Martino

13 marzo ore 11,00
La Mobilità sostenibile
Lungomare pedonale: Il ritorno al Futuro
Dalla Stazione Toledo a Via Partenope
Conduce Enzo Russo Mobility manager
appuntamento  Stazione Metropolitana Toledo

19 marzo ore 10,30
Il Verde Urbano
Da Piazza Vanvitelli a Piazza Medaglie d'Oro
Conduce Rocco Lafratta - Geologo Ambientale
appuntamento Piazza Vanvitelli nei pressi del Chioschetto

3 aprile ore 11,00
La Città Metropolitana
L'area metropolitana e il lato ardente di Napoli Ovest
Conduce  Francesco Escalona  Architetto Territorialista
appuntamento ore 11,00 ingresso Parco Virgiliano

10 aprile
Il Turismo Sostenibile
Buon Turismo per una Buona qualità della vita: Il triangolo della cultura nel quartiere San Carlo all'Arena
Da Via Foria al Moiariello di Capodimonte
Conduce Carmine Maturo - esperto in turismo sostenibile e responsabile
appuntamento ore 11,00 ex Caserma Garibalrdi via Foria

17 aprile - appuntamento rinviato -
Il Verde Urbano ed il rischio idrogeologico
da Piazza Amedeo alla Riviera di Chiaia
Conduce Rocco Lafratta - Geologo Ambientale
appuntamento ore 11,00 ingresso Metropolitana Piazza Amedeo

lunedì 1 febbraio 2016

Green Italia presenta il libro Muoversi in città.


Esperienze e idee per la mobilità nuova in Italia
di Anna Donati e Francesco Petracchini
martedì 9 febbraio, alle ore 17.30
presso la libreria IOCISTO, in Via Cimarosa 20

Il nuovo libro di Anna Donati e Francesco Petracchini del Gruppo di Lavoro "Mobilità sostenibile" di Kyoto Club, edito da Edizioni Ambiente, approfondisce i temi della mobilità in Italia con particolare attenzione alle esperienze di nuova mobilità in città.
Piani Urbani del Traffico, ZTL e Aree Pedonali nelle aree centrali, installazione dei varchi telematici di controllo e gestione, nuove reti tramviarie e metropolitane, pedaggio di accesso come area C, politiche per la mobilità ciclistica, e nuovi servizi di car sharing, car pooling e infomobilità.

Curato da due esperti: Francesco Petracchini, ricercatore del CNR specializzato sui temi dell’inquinamento e Anna Donati ex Deputata e Senatrice della Repubblica ed ex assessore alla mobilità del comune di Napoli, tra i fondatori di GREEN ITALIA; si rivolge a tutti coloro che vorrebbero mettere in pratica nuove soluzioni tecnologiche, senza trascurare i trend storici.
Il libro - dice Anna Donati coautrice del libro e tra le fondatrici di Green Italia- fa il punto sulle realizzazioni ed i progetti per la mobilità urbana in Italia a partire dal 1991, a seguito del primo provvedimento antismog. Molte città hanno realizzato ZTL, aree pedonali, varchi telematici, corsie riservate, reti tramviarie e potenziamento del trasporto pubblico, ma come ci ha dimostrato lo smog e le polveri sottili di fine anno, bisogna fare ancora di più. Ci vogliono piu autobus, treni regionali, veicoli elettrici, bicicletta e car sharing per muoversi in città. Napoli ha due casi di eccellenzache sono ricordati nel libro: il lungomare pedonale e la linea metropolitana, ma anche qui bisogna andare avanti per ridurre il traffico privato, migliorare il trasporto pubblico, la pedonalità e l'uso della bicicletta

Saluti Claudia Migliore . presidente Associaizone Iocisto 
Interverranno tra gli altri:
Luigi De Magistris - Sindaco di Napoli, Carmine Maturo - portavoce di Green Italia Campania, Mario Calabrese - Assessore alla Mobilità Comune di Napoli, Enzo Russo - Mobility Manager Green Italia, Alberto Ramaglia - Amministratore delegato ANM, Francesco Escalona - Architetto Green Italia, Michele Buonomo - Legambiente Campania, Antonio Daniele - FIAB Cicloverdi, Ornella Capezzuto - WWF Napoli, Cristiano May - Cleanap, Alfredo Bellini - Bicizen, Luca Simeone - Napoli Pedala, Guido Liotti - Lo sguardo che Trasforma, Titti Tidone - Mamme Antismog

martedì 5 gennaio 2016

Smog, dopo la pioggia, in attesa di finanziamenti per il potenziamento della mobilità sostenibile, accelerare misure intraprese ad inizio consiliatura: puntare su aree pedonali, zone a traffico limitato, piste ciclabili, per un modello di città non “Autocentrico” MARTEDì 12 GENNAIO INCONTRO A PALAZZO VENEZIA

Lo sviluppo delle vicende relative all’inquinamento atmosferico, con iniziative diversificate ma sempre legate all’emergenza da parte dei vari Comuni, dimostra che questo tema va affrontato, per la parte relativa ai trasporti, innanzitutto con nuove politiche di mobilità che favoriscano il trasporto pubblico. Ma, in attesa delle risorse economiche e dei tempi necessari per il potenziamento delle linee su gomma e della rete su ferro, è necessario individuare soluzioni immediate.

Su Napoli il Sindaco De Magistris, fin dall'inizio della sua consiliatura, va nella direzione auspicata da Green Italia puntando su aree pedonali, zone a traffico limitato, piste ciclabili, soluzioni da perseguire per un modello di mobilità non più basato sul veicolo privato, E' giunto però il momento di dare un'efficace e necessaria accelerazione.

In particolare si evidenzia che la carenza dei mezzi pubblici può essere in qualche modo attenuata attraverso l’incremento della velocità commerciale dei bus, possibile solo con la riduzione del traffico privato e quindi con l’attivazione efficace di ZTL.

Va inoltre dato un senso anche ai nuovi poteri della città metropolitana e quindi al Sindaco Metropolitano, che tra le sue competenze annovera anche quella dei trasporti.
Appare illogico che i dati allarmanti dell’Arpac, giustamente concentrati su Napoli ma del tutto carenti per l’enorme agglomerato urbano che circonda il capoluogo, non comportino misure cautelative anche a favore dei cittadini non napoletani.

Bisogna individuare in tempi brevissimi misure concordate con Regione Campania e Arpac per dotare di centraline di monitoraggio i vari ambiti urbani che compongono la città metropolitana ed in base ai risultati attivare azioni specifiche da parte del Sindaco Metropolitano non solo per Napoli ma anche per gli altri comuni della cinta metropolitana.

Altra azione necessaria è quella di “orientare” il bilancio della città metropolitana verso interventi di mobilità sostenibile, ad esempio utilizzando i fondi della manutenzione stradale anche per realizzare una vasta rete ciclopedonale interconnessa con le linee ferroviarie, con interventi collaterali per favorire l’intermodalità.
In questo quadro, Green Italia ha indetto un'incontro di direttivo aperto a chiunque voglia partecipare per martedì 12 gennaio alle ore 17,30 presso Palazzo Venezia in Via Benedetto Croce.
Interverranno fra gli altri:  Enzo Russo, Francesco Escalona, Maria Lionelli, Guido Liotti, Rosanna Varriale, Nabil Pulita coordina Carmine Maturo membro dell'Ufficio di Presidenza nazionale di Green Italia