lunedì 26 giugno 2017

Bene l’appello di Falcone e Montanari. Parliamo al cuore delle persone, non alla pancia

Assistiamo con grande interesse alla mobilitazione seguita all’appello di Anna Falcone e di Tomaso Montanari; una iniziativa che punta a rompere quella sorta di attrazione fatale verso schemi e giochi politicistici già visti, che arriva puntuale, apparentemente inesorabile, quando si avvicina il momento della competizione elettorale.
Tra la rincorsa a chi fa meglio la destra, la “sovranità del sondaggio”, la manipolazione e la vacuità del dibattito politico, è indubbiamente giunto il momento in cui le forze più costruttive, coerenti e vive del Paese, siano esse politiche in senso stretto, associazionistiche o civiche, hanno il dovere di uscire dal proprio terreno di gioco acquisito, di valorizzare le esperienze di rete e sinergia già in essere (come quella rilanciata e potenziata con la “costituente delle idee” di Possibile, a cui abbiamo contribuito in prima persona, come molti degli attori e delle persone che ritroveremo a Roma all’evento del 18 giugno), di deporre le zavorre delle incomprensioni e delle diffidenze e di trovare uno spazio comune di lavoro, che ricostruisca, con progetti e proposte concreti, quella speranza e quella visione di futuro di cui c’è un immenso bisogno.
Perché tutto ciò possa accadere, a nostro parere, c’è bisogno di trovare ispirazione e fondamento in quella grande scuola di pensiero e di azione che è l’ecologia, il cui confinamento a “questione di rilievo minore” ha contribuito al fallimento delle strategie e politiche di sviluppo, economiche e occupazionali degli ultimi decenni.
Siamo convinti che un progetto di governo per il Paese nuovo e di ampio respiro non possa che porre al centro della propria strategia il contrasto senza quartiere ai cambiamenti climatici, pretendendo un ruolo dell’Europa da protagonista; non possa che centrarsi sulla conversione ecologica dell’economia e della società, sul rifiuto di normative criminogene, come la Legge obiettivo delle grandi opere inutili, o fossili come lo sblocca Italia (delle trivelle, del cemento e degli inceneritori); siamo convinti che vadano recuperati diritti tanto primari quanto dimenticati come quelli a non ammalarsi di inquinamento (magari in cambio di un lavoro, magari no), ad avere aria, acqua, cibo che nutrano invece di avvelenare, a recuperare una qualità della vita perduta in tante grandi città, incapaci persino di valorizzare e proteggere i propri patrimoni inestimabili, ad avere case, strade, edifici ed infrastrutture sicuri, resilienti ed efficienti, invece che divorati dall’incuria e dai saccheggi.
Insomma siamo convinti che la sinistra debba osare di intestarsi la maternità (maternità, si. Perché per farlo c’è bisogno di valorizzare e stimolare l’emersione delle competenze delle donne) di una vera rivoluzione di pensiero, capace di porre un argine concreto al disfattismo, al benaltrismo, all’inerzia, alla paura. Van der Bellen in Austria, il partito di Jessie Klaver in Olanda, le esperienze civiche innovative come le coalizioni delle sindache Ada Colau a Barcellona e Manuela Carmena a Madrid, alcune esperienze amministrative di grande speranza in essere sul territorio nazionale ce lo dimostrano: l’ecologia si dimostra sempre di più una chiave decisiva per organizzare una sinistra al tempo stesso radicale e di governo, plurale, capace di fronteggiare con successo sia l’avanzata delle forze nazionaliste, sia la crisi strutturale di consenso e di “credibilità riformista” dei partiti socialisti.
Vogliamo dire forte e chiaro che chi inquina deve pagare (anche attraverso una revisione della fiscalità), che gli accordi di Parigi vanno attuati da subito, non solo sbandierati nelle grandi occasioni (a partire da una revisione della strategia energetica e dei trasporti nazionale, coerente con un piano clima che arrivi al 2050), che non c’è bisogno di aspettare la direttiva europea per cogliere l’occasione storica dell’economia circolare, nella quale in Italia si eccelle con moltissime esperienze innovative, o dell’ampliamento delle possibilità di auto-produrre, auto-consumare e scambiare energia pulita, vogliamo dire che ci vuole più Europa per affrontare con coesione e coraggio accoglienza, diritti, economia, regole comuni, perché le sfide che dobbiamo affrontare travalicano ampiamente i confini del nostro Paese.
Mentre tutti fanno a gara a parlare alla pancia, insomma, vogliamo mettere l'ambiente nel cuore e nella testa delle persone, della politica e della sinistra. 
A partire dalle parole che si usano, dalla lente attraverso la quale si osservano i fenomeni, fino alla consapevolezza profonda e quotidiana della responsabilità che abbiamo con le generazioni presenti e future, in qualunque luogo del pianeta si trovino.
Su questa strada, siamo pronti a dare il nostro contributo.
I portavoci di Green Italia
Carmine Maturo e Annalisa Corrado

Nessun commento:

Posta un commento